16 giugno in rosso per i contribuenti. In riscossione Imu e Tasi

Saranno circa 25 milioni gli italiani che dovranno versare 10 miliardi all'erario

Non sarà dimenticata dai contribuenti la data del 16 giugno. Nella giornata odierna dovranno essere pagati gli acconti dell’Imu e della Tasi per gli immobili diversi dall’abitazione principale e su quelli commerciali. Il sindacato della Uil ha stimato che circa 25 milioni di italiani dovranno versare all’erario circa 10 miliardi di euro, mentre altri 10 saranno pagati in occasione della prossima scadenza.  Il 76% dei contribuenti rientra nella categoria dei lavoratori dipendente e dei pensionati. In questa scadenza anche le società e i lavoratori autonomi dovranno versare i contributi previdenziali e gli importi riguardanti l’Irap del 2016 e l’Iva del 2016.

“Il costo medio dell’IMU/TASI su una seconda casa sarà di 1.070 euro medi (535 euro da versare con l’acconto), con punte di oltre 2 mila euro nelle grandi città. Se si prendono in considerazione i costi dell’IMU/TASI sulle prime case, cosiddette di lusso, (abitazioni signorili, ville e castelli), il costo medio sarà di 2.610 euro (1.305 euro l’acconto di giugno), con punte di oltre 6 mila euro” ha affermato il segretario confederate Guglielmo Loy che ha divulgato questi dati in seguito alla redazione del rapporto relativo al Tax Day.

Commenta per primo