Qualiano. Associazione Terra Viva: “Allarme sociale per le famiglie. La maggioranza è complice”

terra-viva-qualiano-allarme-sociale-maggioranza-complice

Associazione  Terra Viva: “Alcuni Consiglieri di Maggioranza, hanno combattuto la dilagante e conclamata disattenzione per il sociale”

Constatiamo che finalmente si possono leggere sui giornali locali dichiarazioni serie e oneste anche di Consiglieri Comunali di Maggioranza del Comune di Qualiano. In tutto l’arco della legislatura del Comune di Qualiano, ad oggi durata 42 mesi, alcuni Consiglieri di Maggioranza, hanno combattuto la dilagante e conclamata disattenzione per il sociale che sul territorio di Qualiano si consumava giorno dopo giorno. Oggi abbiamo il piacere i leggere un resoconto di questi 42 mesi di Amministrazione fatto della stimatissima professionista Marianna Zara, Consigliera di Maggioranza, attenta al sociale come alcuni Consiglieri di opposizione. Marianna Zara dichiara: “Forse non tutti quelli che rivestono cariche istituzionali si sono resi conto del fatto che noi siamo consiglieri comunali, assessori, o sindaci perché eletti dal popolo e per questo noi abbiamo il dovere di vigilare e di controllare che gli atti dell’amministrazione che rappresentiamo siano fatti con trasparenza e serietà”

La Consigliera ha perfettamente ragione, anche noi, sempre in vano, in molte nostre esternazioni abbiamo auspicato ad un ritorno alla vera coscienza pubblica di trasparenza, che fosse al servizio della collettività. Non in ultimo, la consigliera Marianna Zara, persona onesta e amministratrice di grande coscienza, parla anche della volontà di privatizzare la villa comunale di Qualino, privatizzazione che abbiamo cercato anche noi di contrastare offrendoci per iscritto e protocollando al comune una richiesta di gestione congiunta con altre Associazioni no profit del territorio, incaricandoci della ristrutturazione, messa a norma e gestione senza alcun onere da parte del comune.

Ma da questa Amministrazione, nessuna risposta, inoltre la Consigliera parla di sue proposte di creare un fondo di solidarietà a favore delle famiglie che non stanno vivendo un proficuo periodo, auspichiamo che ciò avvenga e ne segnaliamo il grande bisogno sul territorio di Qualiano, abbandonato a se stesso dal punto di vista sociale. Solo nell’esercizio finanziario di bilancio dell’Associazione, tra il 2014 e 2015 abbiamo speso oltre 5.000,00 cinquemila euro per sostenere le famiglie indigenti, nell’assoluta cecità dell’Ente Comunale.

La Consigliera Marianna Zara, dichiara di aver sempre chiesto una maggiore attenzione alle politiche sociali e di contrasto alla povertà sul territorio, noi aggiungiamo politiche sociali completamente inesistenti, perché questa amministrazione il 42 mesi non si è solo limitata a non ascoltare i bisogni del territorio da noi comunicati tramite lettere protocollate all’Ente Comunale, ma si è completamente disinteressata el tema, abbandonando la cittadinanza a se stessa.

La Consigliera Marianna Zara, conclude dichiarando: ”E’ arrivato il momento di guardare avanti, quindi basta con le chiacchiere, con i giochetti e con le guerre, occorre fare solo il bene del nostro paese , cominciare a discutere seriamente ,a guardarci in faccia e a confrontarci , pensando solo al futuro della nostra città e dei nostri figli , perché Qualiano merita di più, forse solo cosi arriveremo dove gli altri non sono ancora arrivati”  

Non possiamo fare altro che essere d’accordo a quanto auspica la Consigliera Marianna Zara, che si è sempre unita al coro di altri consiglieri di opposizione, denunciando l’immobilismo dell’Amministrazione e la mancanza della minima azione sociale nei confronti di chi ha bisogno e degli indigenti. Auspichiamo un rapido cambio di marcia da parte di tutti i Consiglieri Comunali di maggioranza, anche quelli che ancora difendono a spada tratta l’indifendibile. I quali, oggi, non possono più fare finta di non rendersi conto degli enormi danni sociali e amministrativi commessi da questa Giunta Comunale il 42 mesi di governo, perché come dice la Consigliere Zara, è arrivato il momento, continuare a sostenere simili politiche, certamente significherebbe essere “complici” e non amministratori comunali.

 

Com.Sta. Associazione di Promozione Sociale Terra Viva

Centro Ascolto e Anti Violenza

Ufficio Segreteria di Presidenza

Commenta per primo