Arzano. Processo assunzione interinali, si aggrava la posizione dell’ex sindaco Giuseppe Fuschino

Processo assunzione interinali, i periti depositano la perizia fonica dinanzi al presidente del collegio, il giudice Marco Occhiofino. Si aggrava la posizione dell’ex sindaco Giuseppe Fuschino e dell’ex assessore Antonio Lanzano.  Prossima udienza il 18 gennaio 2018 dove saranno  ascoltati come teste d’accusa due dirigenti e un dipendente comunale. Dopo aver accolto la richiesta dell’accusa acquisendo  agli atti del processo quale fonte di prova il cd  sulla quale sarebbero state impresse le voci degli amministratori presumibilmente intenti a indicare i propri riferimenti in seno alla società di fornitura lavoro, il collegio  aveva  ufficializzato  la nomina di un perito per lo sbobinamento e la comparazione delle voci con quelle degli imputati. Il perito ne ha certificate due. Quella dell’ex sindaco Fuschino e di uno degli ex  assessori, Lanzano. Ora nella prossima udienza saranno sentiti i dipendenti comunali che hanno contribuiti in maniera determinante a certificare la condotta degli imputati. L’accusa è rappresentata dal pubblico ministero, mentre il processo  si è incardinato dopo che il Gup Paola Scandone aveva accolto la richiesta del Pm Ida Frongillo (titolare delle indagini), della richiesta di rinvio a giudizio. Tra gli imputati per i quali si sta celebrando il processo, ci sono: l’ex dirigente del personale Maria Silvia De Luca, l’ex sindaco Giuseppe Fuschino,  gli ex consiglieri Giovanni Arnone e Aldo Caiazza, gli ex assessori Mauro Annibale, Antonio Lanzano, Giovanni Bianco e Salvatore Sansone. Presenti all’udienza alcuni degli avvocati tra cui Arturo Frojo e Mario Angelino che tenteranno di smontar ree le accuse durante le fasi testimoniali, disquisendo sui alcune nozioni tecniche. Gli imputati, da ritenersi innocenti fino a sentenza definitiva, sono accusati di falso e abuso in concorso per aver, secondo l’accusa, cercato di estromettere un’agenzia lavoro i favore di altre con l’esclusione di personale a tempo determinato, non “gradito”. L’indagine era stata condotta dagli 007 della tenenza dei carabinieri di Arzano. Alcuni degli imputati, secondo indiscrezioni, addirittura dovrebbero essere candidati alle prossime elezioni.

 

Commenta per primo