Bacoli. Pubblicati i nominativi dei 9 tirocinanti per Flegrea Lavoro attraverso Garanzia Giovani

Con loro la partecipata del Comune di Bacoli sperimenterà la raccolta differenziata con sistema RFID per Cuma e Scalandrone.

Sul Burc della Regione Campania è stata pubblicata la graduatoria con nomi e cognomi dei tirocinanti del progetto “Garanzia Giovani”. Per quanto riguarda Flegrea Lavoro sono stati resi noti i nomi dei 9 tirocinanti che avevano presentato la propria candidatura in Primavera. Si tratta di nove giovani tra i 18 ed i 29 anni che non studiano e che non lavorano, che hanno la possibilità di maturare un tirocinio di sei mesi in Flegrea Lavoro da 500 euro al mese. Con l’introduzione di questi nove tirocinanti (programmatori, periti informatici, sviluppatori ed ingegneri), FlegreaLavoro implementerà la raccolta differenziata con il codice a barre, il sistema RFID, anche e soprattutto nelle frazioni. Dopo un periodo di prova a Miseno, sarà la volta di Cuma e Scalandrone.

L’obiettivo finale sarà quello di far pagare al cittadino solo quanto effettivamente consuma.
 Il sistema di radiofrequenza, in realtà, sarà ancor più preciso: difatti, sarà utilizzato un microchip (RFID). Così i giovani saranno avviati al mondo del lavoro. Spazio a ventenni, con competenze, per un servizio di qualità. Si è quindi raggiunto, grazie all’intesa tra amministrazione comunale e Flegrea Lavoro, un obiettivo prefissatoci mesi fa. E che, più in generale, permetterà di attivare tirocini retribuiti, in Municipio, complessivamente per ben 61 ragazzi. All’opera, gli assessori Alessandro Parisi e Francesca Illiano, l’attivista Paola Mauro ed il presidente della Spa, Renzo Geronazzo. Si tratta di una prima svolta per il Comune di Bacoli. Proprio qui dove, ogni giorno, tanti figli di questa terra scappano via verso terre lontane. Ed un esempio concreto che certifica un dato: i risultati, quando si lavora per il bene della popolazione, arrivano. Sempre.

Comunicato stampa

Commenta per primo