Cazzotti, coltelli e spranghe. Rissa tra fratelli a Melito: dipendente comunale finisce in ospedale

Evasione, minacce aggravate, lesioni personali e danneggiamento: queste le accuse a carico di M.M., 44enne di Melito, arrestato dai carabinieri nella giornata di ieri. L’uomo, nonostante fosse già sottoposto ai domiciliari per furto aggravato, in seguito ad una lite familiare era sceso dalla propria abitazione ed aveva iniziato a danneggiare con una mazza di legno la Fiat Panda di proprietà del fratello, dipendente del comune di Melito, contro il quale si era altresì scagliato brandendo un coltello. Ne è nata una tremenda lite tra i due, a cui si è aggiunto anche il figlio di uno delle persone coinvolte intervenuto per sedare il litigio. I due sono stati medicati all’ospedale di Giugliano per ferite alla mano ed al polso con la prognosi di una settimana ciascuno. Sequestrato dai carabinieri il coltello da cucina con lama di 24 cm.

Commenta per primo