CLAMOROSO – Ex giocatore di serie A e della Nazionale Italiana nei guai per estorsione mafiosa

Il Gup Fernando Sestito va avanti per la sua strada e decide l’imputazione coatta per l’ex capitano del Palermo Fabrizio Miccoli con l’accusa di estorsione aggravata da metodi mafiosi. Dopo un rinvio dovuto a un difetto di notifica e malgrado la richiesta di archiviazione avanzata dalla procura di Palermo, Miccoli rimane imputato nell’inchiesta che ha visto già a processo il figlio del boss del Kalsa Antonino Lauricella, Mauro. Per il gup va approfondito il ruolo dell’ex calciatore.

Al centro dell’indagine, portata avanti dalla Dia, le presunte intimidazioni subite fra il 2010 e il 2011 dall’allora gestore della discoteca Paparazzi di Isola delle Femmine, Andrea Graffagnini. Le intercettazioni hanno messo in luce le richieste portate avanti dal giovane Lauricella per recuperare un credito.

Secondo l’accusa i soldi spettavano al socio di Graffagnini, l’ex fisioterapista del Palermo Giorgio Gasparini che per recuperarli si sarebbe rivolto a Miccoli, il quale a sua volta avrebbe incaricato il suo amico Mauro Lauricella. Nel processo di primo grado il figlio del boss è stato condannato a un anno ma non per estorsione aggravata, come aveva chiesto il pm Maurizio Bonaccorso, ma per violenza privata aggravata. Assolto il presunto complice, Gioacchino Alioto mentre la posizione dell’attaccante pugliese era stata stralciata.

Miccoli si è sempre difeso sostenendo di non essere a conoscenza della stretta parentela del suo amico Mauro con un boss

Commenta per primo