Giugliano. Crisi maggioranza, Di Gennaro smentisce ma precisa: “Meno personalismi e più confronto”

“Smentisco alcuna crisi di maggioranza, ma c’è bisogno di maggior confronto per portare avanti questo percorso amministrativo. La minoranza inoltre dovrebbe finire di contravvenire alle regole di correttezza istituzionale“. A dire la sua, dopo l’ultimo consiglio comunale sui canoni idrici che ha riservato il ‘colpo di teatro’ con l’uscita dall’aula consiliare di una parte dei consiglieri di maggioranza e la conseguente caduta del numero legale, è il capogruppo ex Ncd Gennaro Di Gennaro. L’esperto consigliere comunale lancia un accorato appello all’intero consesso civico. “Chiedo più senso di responsabilità a tutti noi”.

Poi Di Gennaro, motiva la sua assenza in sala consiliare attaccando l’opposizione. “Le regole democratiche affidano alla minoranza un preciso compito di controllo, che deve svolgere nel rispetto delle regole di correttezza istituzionale. Spesso e volentieri, però, queste regole vengono calpestate nelle riunioni dei capigruppo e in assise. Come ho affermato nell’ultima conferenza dei capigruppo – afferma – non ero d’accordo a tenere un consiglio comunale monotematico su una questione che si sarebbe perfettamente potuta affrontare in un tavolo di lavoro congiunto tra Terza e Quarta Commissione, convocando per l’occasione il dirigente al servizio idrico, il responsabile dell’Ente gestore e l’assessore al ramo. Non si può pretendere di risolvere i problemi dei cittadini forzando il dialogo politico e comportandosi in maniera ostruzionistica. Dopodiché è facile poter dire che la maggioranza boccia le loro proposte. Questo avviene se i primi a non volere un dialogo sono i rappresentati della minoranza consiliare”.

Infine, il consigliere serra le fila della propria maggioranza. “E’ stato fuori luogo parlare di crisi di maggioranza. Di certo, tuttavia, c’è la necessità di coordinare al meglio azioni congiunte che mirino a risolvere i problemi dei cittadini e realizzare il programma politico col quale ci siamo presentati in queste elezioni. I personalismi, i teatrini e la demagogia non ci porteranno da nessuna parte”, conclude Di Gennaro.

Commenta per primo