Intervista all’associazione giuglianese SoulPalco: “Arte e cultura a 360 gradi per rilanciare la città”

L’arte e cultura a 360 gradi. Dal 2014 l’associazione SoulPalco è una delle più attive sul territorio. “Il progetto nasce nel febbraio 2014 da 4 “folli” che hanno deciso di mettersi in proprio e di allestire tutto quello che c’è oggi” dice Cinzia Celardo, uno dei membri fondatori riferendosi alla sede che si trova in San Colonne. Hanno trasformato un locale spoglio in un piccolo gioiellino, dove c’è anche un palcoscenico con circa 70 posti a sedere, interamente frutto del lavoro dei suoi membri e di altre persone.

“Questo è un sogno, siamo contenti di averlo realizzato  nonostante le difficoltà” ha continuato Cinzia. “Il nostro scopo è quello di far capire alle persone che la volontà di allargare gli orizzonti culturali giuglianesi e di migliorare le cose c’è ed è anche forte. L’unico modo per salvare la città è quello di aprire le menti all’arte perché essa riesce a tirar fuori il nostro lato migliore. Noi siamo nati come una compagnia teatrale e successivamente ci siamo aperti alla musica popolare: lo scendere in strada ci ha aiutato molto ad acquistare sicurezza e oggi possiamo dire di rappresentare realmente qualcosa per il territorio”.
“Il rapporto con le istituzioni è buono” – ha dichiarato Fabio Viglione, un altro dei membri fondatori – a volte capita che è il pubblico ad essere un po’ indifferente, anche se fortunatamente Giugliano sta vivendo un periodo di grande rinascita culturale”.
La sensibilizzazione e la diffusione culturale sono anche alla base dell’idea di istituire una rassegna teatrale di 10 spettacoli, i quali avranno luogo tra l’8 Ottobre e il 28 Aprile nell’associazione stessa. Infine, i SoulPalco saranno in scena il 25 Dicembre alla Biblioteca di Giugliano con uno spettacolo che riporterà sulla scena la tradizionale sceneggiata napoletana.

di Alberto Scialò

Commenta per primo