La riorganizzazione degli Scissionisti. Gli Amato-Pagano tengono Melito e Mugnano nonostante gli arresti

Arresti eccellenti, blitz delle forze dell’ordine con una cadenza quasi quotidiana, l’inizio del 2017 è stato davvero duro per il clan Amato-Pagano che però non pare aver perso colpi sui territori da tempo controllati. E’ il caso di Mugnano e Melito dove gli Scissionisti controllano le piazze di spaccio da oltre dieci anni senza aver mai subito una vera e propria pressione delle cosche camorristiche presenti nei territori limitrofi.
I fatti di inizio anno avevano però fatto pensare ad un cambio della scena. Con gli Amato-Pagano senza guide a causa dei numerosi arresti, gli inquirenti avevano immaginato una nuova lotta per il controllo delle redditizie piazze di spaccio, ma così non è stato. La situazione dopo qualche giorno di fibrillazione pare essere tornata sotto controllo per due motivi ben precisi. Il primo riguarda l’organizzazione capillare degli Amato-Pagano nei territori melitesi e mugnanesi, mentre il secondo è di carattere strettamente logistico. Le cosche che controllano i Comuni ed i quartieri vicini non sembrano essere in grado di sconfinare, dovendo far fronte alle decimazioni dovute da arresti e pentimenti.

Commenta per primo