Mugnano, sfratto Romito. Zucconelli (M5S): «E’ una guerra tra poveri», l’assessore Massarelli: «Aspettiamo l’IACP»

Mugnano, sfratto Romito. L'assessore Massarelli «Aspettiamo l'IACP». Zucconelli (M5S) «E' una guerra tra poveri»

Il rinvio dello sfratto della famiglia Romito è stato commentato cautamente dalle forze politiche, presenti stamattina alla presenza dell’ufficiale giudiziario e dei carabinieri della locale tenenza. I Romito sarebbero primi in una graduatoria per ottenere un alloggio popolare in via Manzoni e l’Istituto delle Case Popolari avrebbe emanato un provvedimento per sfrattare alcuni occupanti.

“Siamo in attesa della decisione degli IACP. Intanto stamattina abbiamo rinviato lo sfratto a causa delle condizioni di salute della suocera. C’è stato un carteggio tra noi e gli IACP che dovrà decidere sulla decadenza. Premesso che non abbiamo immobili disponibili da destinare ai Romito, più di questo non possiamo fare. Se faranno la richiesta di un contributo straordinario, l’ufficio valuterà presupposti dell’erogazione. Abbiamo ottenuto un rinvio e la nostra speranza che si risolva alla questione” ha dichiarato l’assessore Vincenzo Massarelli.

Il consigliere del Movimento Cinque Stelle Umberto Zucconelli ha invitato a mantenere alta la guardia:“In extremis il Comune si è mosso, adesso per Romito è arrivata una proroga fino al 30 marzo. Spero che i ritardi del Comune dell’Iacp in questa vicenda non siano determinanti. Entro il 30 marzo Romito o entra in possesso dell’alloggio popolare o finirà in mezzo ad una strada perché non potrà avere più proroghe. Si poteva arrivare provvedimento già prima, ma le lentezze burocratiche non facilitano. Il Comune era già a conoscenza dei conflitti dei documenti dell’anagrafe. E’ in atto una guerra tra poveri”.

Commenta per primo