Non trova lavoro, fa colazione con la ragazza e poi si impicca

Si è tolto la vita impiccandosi con una corda alla ringhiera della scala in ferro del condominio di casa. Così è morto, a soli 22 anni: morto per asfissia. Soffocato, nel tragico epilogo di una storia colma di disperazione, nel Mantovano. Tutto è successo sabato mattina: a trovarlo con la corda ancora al collo, la sua giovane fidanzata.

I due stavano insieme da tempo: la ragazza avrebbe raccontato ai militari, che stanno seguendo il caso, di come il fidanzato fosse molto demoralizzato, soprattutto nelle ultime settimane, perché non era ancora riuscito a trovare lavoro.

A lei raccontava delle decine di colloqui, nel corso dei mesi e dell’anno, senza che mai arrivassero a un buon fine. Pare che la frase topica del rinvio a data da destinarsi, e quindi forse mai, fosse diventata la sua ossessione: “Grazie, le faremo sapere”.

Commenta per primo