Noto avvocato ruba borsa da 1200 euro. Incastrato dalle telecamere

Di professione fa l’avvocato, ma fin da quando era ragazzino coltiva la passione per l’arte, la moda e il buon gusto. Lo stesso buon gusto che lo scorso 28 gennaio lo ha spinto a rubare nel negozio San Carlo di via Roma, in centro a Torino, una borsa firmata Celine del valore di circa 1200 euro.

Il legale, S.M, 36 anni, è stato tradito dalle telecamere a circuito chiuso del negozio che lo hanno ripreso mentre nascondeva dentro un’altra borsa firmata, probabilmente schermata per l’occasione, la prestigiosa Celine. Non solo. L’avvocato ha avuto la faccia tosta di tornare nello stesso negozio di lusso due giorni dopo. Il destino, però, ha voluto che la commessa lo riconoscesse e chiamasse i carabinieri e ora S.M dovrà rispondere di furto aggravato. Recuperata anche la borsa che l’uomo aveva consegnato a un amico senza dirgli di averla rubata.

 

«Gli ho detto che era un regalo di compleanno per mia madre», ha raccontato ai carabinieri durante la perquisizione del suo alloggio. «Mi vergogno profondamente per quello che ho fatto. Faccio uso di ansiolitici da parecchi anni e quel giorno avevo preso qualche pastiglia in più perché stavo malissimo. Ero tornato nel negozio per confessare e pagare la borsa», ha aggiunto. A spingerlo al furto la passione per la moda e per tutto ciò che è bello. Lo stessa passione che nel 2015 lo ha portato a partecipare, come concorrente, al talent di Real Time, presentato da Costantino della Gherardesca, «Hair–Sfida all’ultimo taglio», programma nel quale si classifica in quintultima posizione ad un passo dalla finale .

Commenta per primo