Raccolta di firme del Comitato referendario per il No alla modifica della costituzione Area Nord napoli

Banchetti a Giugliano, Villaricca, Marano e gli altri Comuni contro le riforme del Governo Renzi

GIUGLIANO. Una nuova stagione di partecipazione in difesa della Democrazia REFERENDUM DA FIRMARE: COSTITUZIONE, ITALICUM, LAVORO, SCUOLA, AMBIENTE Sono 11 i quesiti referendari per messi in campo da una pluralità di soggetti politici e dell’associazionismo per contrastare il disegno liberista di riduzione degli spazi democratici e di partecipazione dei cittadini. Rilanciamo una nuova stagione referendaria attraverso la costruzione dei comitati referendari in tutto il territorio a nord di Napoli .Rilanciamo cosi la lotta per la democrazia rivendicando la partecipazione dei cittadini alle scelte che incidono sulla nostra vita.
La raccolta di firme è partita nel mese di aprile. Entro il 30 giugno i moduli firmati e validati devono pervenire al Comitato Nazione per essere consegnate in Cassazione entro la meta di luglio, non un giorno di più, (obiettivo 500.000 firme). La concomitanza con la tornata elettorale amministrativa ha determinato un ritardo nelle attività dei comitati,dovuta anche ad un becero tentativo di non fare nessuna informazione sui referendum da parte dei media. Dobbiamo mobilitarci e dare disponibilità ad organizzare iniziative e tavoli per la raccolta firme ogni giorno per traguardare l’obiettivo.. Ciò che può fare che ogni persona interessata è firmare al più presto ,informare e invitare altre persone, familiari, amici, conoscenti a farlo.

I quesiti Referendum? Il primo è quello sulla cosidetta “riforma” costituzionale di Renzi, promosso dal Comitato del NO affinché non siano solo i parlamentari a chiedere il referendum oppositivo contro lo stravolgimento della Costituzione. Insieme a questo, si raccolgono le firme per due referendum abrogativi di norme del cd. Italicum, cioè del sistema elettorale approvato lo scorso anno addirittura con un voto di fiducia. Si chiede l’abrogazione delle norme sui capilista bloccati e sulle candidature plurime, che consentono ai partiti di “nominare” gran parte dei deputati, e l’abrogazione delle norme sullo spropositato premio di maggioranza, che consentono anche a un partito del 20% di ottenere al secondo turno il 54% dei seggi. Questi tre referendum sono stati promossi dal Coordinamento per la democrazia costituzionale, ogni informazione di dettaglio la trovate qui: https://coordinamentodemocraziacostituzionale.net/. Chi vuole firmare questi referendum, può farlo nei banchetti predisposti dal Comitato del NO alla riforma costituzionale.

Oltre a questi referendum, è in corso la raccolta di firme anche per: – tre referendum che propongono l’abrogazione di norme del cd. Jobs Act (licenziamenti individuali, voucer, appalti): sono promossi dalla CGIL, che raccoglie anche le firme sulla proposta di legge di iniziativa popolare “Carta dei diritti universali del lavoro”. Si firma presso le sedi della CGIL ,presso le leghe del Sindacato Pensionati e presso i Gazebo . http://www.cgil.it/firmare-la-carta-dei-diritti-universali…/;

– quattro referendum che propongono l’abrogazione di norme della legge sulla cd. “Buona scuola” (poteri del preside sulla scelta dei docenti e sul sistema premiante, finanziamenti privati a scuole pubbliche e private, obbligo sulle ore minime di alternanza scuola-lavoro); due referendum che propongono l’abrogazione di norme in materia ambientale (sopprimere il potere del Governo di decidere da sé sugli inceneritori; estendere il divieto di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi a tutta Italia, per i nuovi interventi in terraferma e in mare al di fuori delle 12 miglia). Chi desidera approfondire i temi e individuare i luoghi nei quali poter firmare, può andare sul sito dell’organismo promotore: http://www.referendumsociali.info/ Per firmare basta avere con sé un documento di riconoscimento con la foto: carta di identità, patente auto, passaporto, ecc. I comuni, su richiesta dei comitati promotori, mettono a disposizione dei cittadini i moduli di raccolta delle firme e organizzano servizi per l’autenticazione presso i loro uffici. Quindi, chi non può recarsi ai banchetti che saranno presenti nelle piazze del comprensorio tutti i giorni, fino al 20 giugno e sicuramente 11\12 giugno nelle principali piazze di Giugliano e di Villaricca ,può anche chiedere al Comune il luogo nel quale poter apporre la propria firma.

COMUNE DI MARANO DI NAPOLI E’ possibile firmare in comune negli orari di ufficio. Corso Umberto I, 16, 80016 Marano di Napoli NA, Italia

COMUNE DI VILLARICCA E’ possibile firmare in comune negli orari di ufficio. Corso Vittorio Emanuele, 78, 80010 Villaricca NA, Italia

COMUNE DI GIUGLIANO DI NAPOLI E’ possibile firmare in comune negli orari di ufficio. Corso Campano, 200, 80014 Giugliano in Campania NA, il tempo sta per scadere , non riduciamoci all’ultimo momento.

Comitato referendario per il No alla modifica della costituzione Area Nord napoli

Commenta per primo