Raid nel cimitero per spostare le gambe amputate nella tomba della parente

Volevano riunire al corpo della congiunta morta ieri le gambe che le erano state amputate anni prima e per far questo non hanno esitato ad entrare di sera tardi e a forzare il loculo che conteneva la bara con gli arti. Ha dell’incredibile, con tratti marcatamente macabri, quanto avvenuto a Gricignano di Aversa nella tarda serata di ieri.
Secondo una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri della locale stazione, cinque persone (alcuni parenti e almeno due operai che avrebbero dovuto effettuare il lavoro) sono penetrate all’interno del cimitero di Gricignano ed hanno tentato di ricongiungere, nella bara di un’anziana donna deceduta il giorno prima (ed ancora ubicata all’interno della sala mortuaria), le gambe che le erano state amputate diverse anni fa e custodite in un loculo presso lo stesso cimitero.

Commenta per primo