“Riprendiamoci villa Zagaria”: domani la prima giornata del campo di legalità di Libera a Giugliano

“Riprendiamoci villa Zagaria” È questo il progetto che consentirà la riapertura dei cancelli di villa Zagaria ,bene sequestrato nel 1995 e trasferito al patrimonio indisponibile del comune nel Gennaio 2014, la villa che apparteneva al boss dei Casalesi Michele Zagaria (arrestato nel 2011) giace sul territorio di Varcaturo , da allora in completo stato di abbandono e degrado. Da domani inizieranno i lavori di riqualificazione del bene grazie all’impegno dell’associazione Libera contro le mafie che garantirà la collaborazione dei ragazzi impegnati sui campi “E!state Liberi“, che pernotteranno in un bene ad Ottaviano e ogni giovedì, dal 16 Giugno all’11 Agosto , si sposteranno, sul bene di Varcaturo per trasformare il giardino della villa in villa comunale per il territorio Giuglianese.

Il progetto è stato possibile grazie alla collaborazione tra il Coordinamento provinciale di Libera Napoli, il presidio territoriale di Libera Giugliano intitolato alla memoria di Mena Morlando la Cgil Giugliano, l’amministrazione locale e soprattutto dell’assessorato alla fascia costiera che ha garantito trasporto e ristoro ai ragazzi partecipi all’iniziativa. I nove giovedì saranno accompagnati da momenti di formazione con molti ospiti che si svolgeranno in diverse location ,con dibattiti e conferenze centrate sul tema della legalità . Fondamentale è la riqualifica del territorio di Varcaturo ormai da troppo tempo abbandonato, importante è il lavoro su di esso tramite i beni confiscati e il dibattito sul tema della Legalità e della giustizia sociale. “Invitiamo le realtà associative della zona a partecipare e rendersi protagonisti della rinascita del nostro territorio” — così dichiara il Referente del presidio di Libera Giugliano “Mena Morlando”. Riutilizzare tali strutture , una volta appartenenti alla camorra, per il bene comune è un importante passo per la lotta alla criminalità organizzata ,in un territorio che oggi più che mai sta risentendo del peso della malavita.
Duecentosettanta ragazzi provenienti da tutta Italia lavoreranno per nove settimane per recuperare il bene confiscato “ex Villa Zagaria” di Via Madonna del Pantano e renderlo fruibile. Soddisfatta l’assessore alla Fascia Costiera Carla Rimoli:  “I campi di legalita’ nazionali di Libera, si terranno sul territorio di Giugliano. Il bene confiscato Villa Zagaria vedra’impegnati I ragazzi nel recupero del verde che la circonda. Il luogo simbolo dell’illegalita’ diventa luogo di educazione alla legalità”.

Soddisfatto anche il consigliere Giuseppe Di Girolamo. “La villa bunker  dei camorristi  oggi diventa luogo di legalità  parco urbano  dove  i ragazzi potranno  trascorrere ore di svago , le mamme potranno girare nei vialetti con le carrozzine.  Ma sopratutto diventa luogo do formazione alla legalità .  Grazie all associazione Libera Saranno impegnati 274 ragazzi provenienti da tutta Italia  che contribuiranno  a risistemare il parco a verde. 
Pochi sapevano dell esistenza di questo complesso  eppure erano circa 17 anni che il comune aveva avuto in consegna questo bene .l abbiamo aperta  ma sopratutto oggi l stiamo per a renderla  fruibile ai cittadini Giuglianesi”

Commenta per primo