Tiziana Cantone, indagini verso svolta. Inquirenti al lavoro sui messaggi e chat del suo cellulare. Ecco cosa hanno scoperto

“Ci aspettiamo sviluppi, speriamo importanti, dallo sblocco del cellulare di Tiziana Cantone”.
Così il procuratore di Napoli Nord Francesco Greco, che coordina le indagini del sostituto Rossana Esposito relative al suicidio della 31enne di Mugnano di Napoli: Cantone si tolse la vita il 13 settembre scorso dopo la diffusione in rete, a sua insaputa, di alcuni video hard che la ritraevano. Sono stati i carabinieri della sezione cyber-crime del Comando Provinciale di Napoli ad estrapolare alcuni file audio risalenti alle ore precedenti alla morte di Tiziana.
La Procura indaga per istigazione al suicidio – al momento non ci sono indagati – e dallo sblocco dell’Iphone attende elementi utili per ricostruire i contatti che la ragazza ha avuto negli ultimi momenti di vita. “Non conosciamo ancora i contenuti dei messaggi – spiega Greco – il nostro consulente è al lavoro”.

Commenta per primo