Turisti al parco di Liternum, ma non ci sono le guide. Ci pensano i volontari

Turisti in visita a Giugliano, ma mancano le guide. Meno male che ci pensano i volontari ad aprire le porte ai tesori del nostro territorio, come gli scavi di Liternum. L’episodio è accaduto oggi ed è stato raccontato con un post su facebook da Andrea d’Alterio.
“Oggi anche noi abbiamo fatto qualcosa per la nostra città, un gruppo di turisti di Sarno, Poggiomarino e Salerno erano in giro per visitare alcuni sito archeologici. Grazie a Pasquale Cirillo gli è stato proposto di visitare anche Litenum, la proposta è stata accolta subito con entusiasmo, ma il problema era un minimo di accoglienza. La difficoltà subito è stata risolta, ho chiesto a Salvatore Parisi e Alessandro Giuliotti, due competenti e appassionati di archeologia, di farsi trovare alle 13:00 di stamane sul sito. Proposta accolta anche in questo caso con entusiasmo. Abbiamo dimostrato che Giugliano può puntare sul turismo, possiamo intercettare 100.000 turisti all’anno, Liternum è uno dei siti archeologici più importanti d’Europa ancora tutto da scoprire, l’Università di Berlino vorrebbe promuovere una campagna di scavi. Si rilancerebbero gli alberghi, i bar, i ristoranti, il terziario. Pensate un caffè, un panino, un souvenir, una camera d’albergo per migliaia e migliaia…”

Commenta per primo