Uccisero suo marito, moglie-coraggio collabora con la giustizia e fa condannare all’ergastolo il killer

L'uomo avrebbe pagato con la vita il rifiuto di gestire una piazza di spaccio per conto del clan Sibillo

NAPOLI. Suo marito avrebbe pagato con la vita il rifiuto di gestire una piazza di spaccio per conto del clan Sibillo, noto come “la paranza dei bimbi”. Lei, la moglie, decide di collaborare con la giustizia e fa condannare all’ergastolo il presunto killer. Alessandro Riccio dovrebbe trascorrere il resto della sua vita in carcere. Ad emettere la sentenza sono stati i giudici della terza corte d’assise del tribunale di Napoli – come Metropolis -. Ad inchiodare il criminale è stato il coraggio della moglie di Massimiliano Di Franco, morto il 28 febbraio in ospedale dopo che, il giorno precedente, venne sparato da un uomo che poi fuggì in sella ad una moto. Quell’uomo sarebbe stato proprio Alessandro Riccio, ritenuto ex esponente di primo piano della “paranza dei bimbi”, e ieri condannato all’ergastolo.

Commenta per primo