UN ANNO DI SARNATARO SINDACO – Bove: “Amministrazione immobile. Fallita la rivoluzione culturale”

Nelle ultime elezioni comunali il Centro Democratico è stata la seconda lista più votata, ma la sconfitta del candidato sindaco Aniello Piscopo li ha relegati ai banchi dell’opposizione. Il gruppo consiliare è formato da Filippo Daniele entrato in consiglio con 418 voti e da Gennaro Bove che ne ha ottenuti 309. Dopo un anno Bove ha fatto un bilancio dell’operato del sindaco Luigi Sarnataro

Qual è la vostra valutazione su quest’amministrazione?

Ha fallito la sua rivoluzione culturale che ha promesso in campagna elettorale, infatti, secondo noi non ha fatto nulla. Ha applicato il manuale Cencelli nella scelta della giunta, soddisfacendo qualche scontento. I suoi assessori sono incompetenti che non possono fare nulla per il paese. Ci sono poche persone che cercano di governare il paese, ma sono completamente in contrasto tra di loro, basta guardare lo scontro tra Sarnataro e la segretaria del Pd Riccio. La mensa è partita molto in ritardo. Il mercato ittico è in una situazione ingarbugliata, continuano a fare affidamenti semestrali senza un bando definitivo. C’è bisogno di un rilancio industriale serio.

Sarnataro rivendica il suo ruolo fondamentale nelle opere pubbliche….

Ha ereditato tutto dalle amministrazioni precedenti, lui ha dato solo l’input per continuare. Preoccupa la mancanza di progettazione, quindi spacciano per straordinario ciò che è ordinario. In cantiere non c’è nulla.

Che rimpasto di giunta vi aspettate?

Sarnataro farà le solite scelte politiche, ecco perché si stanno formando dei nuovi gruppi che rivendicano visibilità. Non pensano al bene del paese, ma a mantenere la maggioranza.

Perchè la consigliera dell’Idv Iacolare ha lasciato la maggioranza?

Credo che il suo elettorato ha riscontrato l’immobilismo dell’amministrazione e che il sindaco non ha dato risposte. Ci sono state tante promesse che sono state disattese. Inoltre la Iacolare potrebbe avere avuto problemi con il suo assessore. Inoltre è’ strano che l’ex gruppo consiliare di Sarnataro ‘Progettiamo’ Mugnano, pur rimanendo in maggioranza, sia confluito in quello nuovo del Progetto Democratico che adesso conta 3 consiglieri che potrebbero avanzare delle richieste.

Qual è la vostra valutazione sulla reintroduzione del gettone di presenza per le commissioni consiliari?

Abbiamo visto uno straordinario impegno della commissione consiliare, ma vorremmo che lo stesso sia utilizzato per le questioni importanti che stiamo denunciando. In questa fase storica il gettone doveva essere l’ultimo dei pensieri, invece per mesi è stato l’oggetto della discussione politica.

Commenta per primo