UN ANNO DI SARNATARO SINDACO. Palumbo (Pd): “Lavoriamo al PUC e ai nuovi uffici comunali”

Il Partito Democratico è stata la forza politica più votata alle ultime elezioni comunali, condizione che gli ha permesso di poter ottenere la Presidenza del Consiglio Comunale per Pierluigi Schiattarella e una folta rappresentanza nell’assise comunale con i consiglieri Daniele Palumbo, Gennaro Assunto, Giovanni Mauriello, Rita Esposito e Marcello Toscano. All’ex sindaco Palumbo è stato chiesto un bilancio dopo un anno di amministrazione.

Per quale atto amministrativo vi siete battuti maggiormente?

Il Pd ha dato un contributo per l’indirizzo in consiglio nella gestione del mercato ittico, attività produttiva più importante del territorio. Daremo la possibilità ad un imprenditore di gestire per più di 10 anni la struttura, mettendo fine al regime provvisorio che si è dimostrato inadeguato nel produrre un valore aggiunto e che permetterà investimenti di ammodernamento della struttura.  Abbiamo dato mandato ai tecnici con uno studio di fattibilità che garantisca un ritorno economico adeguato per l’ente.

In questo anno in quali condizioni avete operato?

Ci siamo trovati di fronte a due emergenza, appena ci siamo insediati: rifiuti e mercato ittico. Abbiamo affidato la raccolta alla Green Line direttamente controllata dalla magistratura, mentre dal primo settembre partirà il nuovo appalto con la Teknoservice. Miglioreremo la raccolta differenziata e daremo incentivi ai cittadini. Il bilancio amministrativo è positivo abbiamo approvato il bilancio di programmazione che manterrà una serie di servizi e incentiverà le attività. Con l’avanzo di amministrazione di 3 milioni faremo investimenti per le opere pubbliche, in particolare punteremo alla creazione degli uffici comunali per decongestionare la casa comunale e dare servizi ai cittadini, attraverso il parcheggio San Lorenzo già esistente. Inoltre puntiamo alla delocalizzazione del mercatino rionale in un’area destinata apposita a ridosso di via Napoli

Secondo voi quale dovrà essere il provvedimento prioritario per la consiliatura?

Il riassetto urbanistico attraverso il Piano Urbano Comunale. Insieme al nostro assessore Limongelli stiamo lavorando per la riqualificazione del territorio: salvaguardia del Parco Agricolo e la riconversione del sedime della vecchia Alifana.

Che tipo di rimpasto di giunta dobbiamo attenderci dal sindaco Sarnataro?

Il Pd ritiene che il lavoro del proprio assessore sia estremamente importante e soddisfacente, per questo deve continuare. Se il sindaco riterrà necessari dei correttivi, noi daremo il nostro contributo.

Pensate che Massarelli e Di Guida abbiano una posizione debole in giunta, vista la mancata la rappresentazione consiliare?

La rappresentanza consiliare può costituire una debolezza, ma deve essere valutato l’operato dell’assessore. Ogni scelta spetta al sindaco, lui proporrà i correttivi.

Come si pone il Pd sul caso Iacolare?

In consiglio ho rilevato che c’era un problema, deve rivedere la sua posizione. Se crede nel progetto non può continuare con una critica ad oltranza su qualsiasi provvedimento e non può mancare agli appuntamenti consiliari principali come il bilancio. Le sue sono posizioni inconciliabili con la maggioranza, mi auguro che possa ricreare un rapporto con la maggioranza e con la lista dell’Idv.

E sul caso Riccio?

Ha avuto il merito di guidare il Pd alla vittoria. In seguito ha smarrito il suo atteggiamento costruttivo. C’è un incomprensione forte tra il sindaco, il gruppo consiliare e la segreteria. Mi auguro che queste incomprensioni siano colmabili, diversamente dovremmo trovare altre soluzioni alla guida del Pd di Mugnano.

Commenta per primo