Unghie alla cocaina. Scoperto il centro estetico della droga in città, arrestata una donna

Gli ovuli di cocaina erano all’interno di un kit per la ricostruzione delle unghie. I poliziotti della Squadra Mobile ne hanno trovati quaranta, nascosti tra smalti e gel nel bagno del centro estetico “Nail Art sudio” di via Settimio Mobilio – si legge su La Città di Salerno – In manette è finita la donna che lo gestisce, Nadiya Gryn, di nazionalità ucraina. Nel suo appartamento, perquisito subito dopo il blitz sul luogo di lavoro, gli agenti hanno rinvenuto 8.300 euro in banconote di vario taglio, ritenuti provento di un’attività di spaccio che avrebbe avuto nel centro estetico il suo quartier generale. La somma è stata sequestrata, insieme alle dosi di cocaina e ad altri 150 euro trovati nei locali di via Mobilio.
Il blitz è scattato nel pomeriggio di venerdì, dopo che per alcuni giorni gli investigatori delle Mobile, coordinati dal vice questore Tommaso Niglio, hanno tenuto sotto controllo il viavai nello studio. L’indagine nasceva da un esposto giunto un paio di settimane fa da alcuni residenti, che avevano sospettato un giro di prostituzione.
Nella zona non sarebbe stata la prima volta, il Nail Art dista solo poche centinaia di metri dall’appartamento che Mariana Szekeres, la prostituta trovata morta lo scorso maggio in via Dei Carrari, condivideva con il marito e due colleghe. Stavolta le verifiche investigative hanno invece appurato che non si trattava di mercato del sesso, ma che a trattamenti estetici e massaggi era affiancata l’offerta di cocaina. La titolare è stata portata in carcere, su disposizione del sostituto procuratore di turno Valleverdina Cassaniello, e nei prossimi giorni le indagini proseguiranno per cercare di risalire a fornitori ed eventuali complici.

Commenta per primo